Parchi di Mestre

Informazione sulla Tignola

Nei boschi Ottolenghi, Zaher ed Osellino possono verificarsi delle  infestazione di Tignola (Yponomeuta spp.).
Le larve di questi lepidotteri vivono all'interno di tele sericee bianche che avvolgono interamente la pianta colpita.
Le larve non sono ricoperte di peli urticanti e non rappresentano un pericolo né per l'uomo né per gli animali.
Talvolta le piante colpite possono subire una defogliazione abbondante o totale ma, dato che la distruzione delle foglie avviene prima della metà del ciclo vegetativo, le piante emettono nuove foglie nel corso dell'estate, 2-3 settimane dopo la defogliazione.
Le piante attaccate, generalmente, subiscono solo un rallentamento della crescita riprendendo, poi, normalmente a vegetare.
L'attacco si può considerare innocuo, anche se vistoso, e, in considerazione della sensibilità ambientale del sito, non appare conveniente l'applicazione di alcun trattamento chimico.
 
Istituzione Bosco e Grandi Parchi

 
immagine della Tignola
 
 
 

 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito